Fare le marionette

marionette

CSS Valido! Valid XHTML 1.0 Transitional

preparacalco

Tecnica della cartapesta

In queste pagine trovate le spiegazioni sulla tecnica della cartapesta, cosa è, come iniziare a realizzare qualcosa e i materiali necessari.
LA CARTAPESTA è arte antica e diffusissima. Lavorare la carta macerata in acqua è chiamata cartapesta. La cartapesta viene spesso sottovalutata, ed è un vero peccato poiché da' la possibilità di creare tantissime cose.
I maestri carta-pestai riescono con le loro abili mani a creare qualsiasi cosa, dalle piccole maschere agli enormi carri di carnevale.
REALIZZAZIONE DELLA CARTAPESTA
Ecco come diventare artisti-artigiani della carta. Potrebbe diventare un vero lavoro. Riciclare la materia prima come la carta è economico, antinquinante, e divertente. Si possono fare degli oggetti utili, come la carta da lettere per scrivere, per dipingere. Si possono fare scatole per regali, giocattoli, marionette , collane ecc.
Prendete nota, da questo vostro blocco-notes. Per cominciare, qualche consiglio di carattere generale. La carta migliore è quella chiara, foto copie e simili , tovagliolini , elenchi telefonici bianchi. Giornali , stampati carta da imballo, cartoni , elenchi telefonici gialli danno una colorazione di base più scura.

Due sono i metodi base per lavorare LA CARTAPESTA. Con uno si usano strisce di carta, con l'altro l'impasto. Con il primo metodo si strappano strisce di carta e si incollano sopra un oggetto come rivestimento per coprire una armatura, come la bacinella o come sopra che sono stati incollati vari contenitori di gelato per fare un cappello per una maschera. qui a fianco.
Con il secondo metodo, si immerge, la carta in acqua per formare un impasto della consistenza della pasta del pane. Questo impasto può essere utilizzato già così, oppure và grattato una volta asciutto e usato come polvere da spennellare come ultimo strato. Renderà un effetto marmoreo all'oggetto. La decorazione sarà molta raffinata. I due metodi si possono usare insieme.

GIORNALI - Non utilizzate le forbici per tagliare i giornali, ma strappateli con le mani. In questo modo i bordi rimarranno sfrangiati e l'acqua riuscirà a penetrare più facilmente. Per fare meno fatica e per ottenere delle striscie regolari, vi conviene strappare la pagina dall'alto verso il basso e non nel senso della larghezza. Quando ne avete una certa quantità, riducete ulteriormente queste strisce a pezzettini piccoli e immergeteli in una vaschetta piena di acqua calda, cosi la carta si ammorbidisce più velocemente. E' sufficiente che l'acqua superi di 1 cm o 2 la carta.
Lasciate riposare il tutto per una notte. Attenzione, non tutte le carte sono uguali. Le carte di scarsa qualità infatti, molto porose, si disfano velocemente. Quelle invece di buona qualità impiegano molto più tempo dalle 24 alle 48 ore prima di poter procedere alla fase successiva dell'impastatura. Se avete un grosso frullatore farete questa poltiglia ancora prima, lasciate posare e colate in un setaccio l'acqua in eccesso, pressando con le dita. Formate delle palline e lasciatele asciugare.