..

ACIDOSI

La causa principale del cancro è stata ufficialmente scoperta decenni fa da uno scienziato premio nobel per la medicina nel 1931.

Otto Heinrich Warburg , pubblicava i risultati di una sua ricerca sul cancro per la sua tesi "La causa principale e la prevenzione del cancro".

" Combattere la acidita' per prevenire i tumori".

Ma se la causa è stata scoperta , perché non hanno fino ad ora trovato una cura ? Da allora nulla è stato fatto , se non continuare a rac cogliere in tutto il mondo fondi per la ricerca , con le associazioni , vere mangia soldi come ad esempio la italiana AIRC . Associazione creata da medici indot trinati dalle Universita' al servizio di Big Pharma.

Poche persone nel mondo lo sanno, perché questo fatto è nascosto a TUTTI dalla industria farmaceutica e alimentare

(leggi qui)

Sempre secondo Warburg: "Tutte le cellule normali hanno requisito assoluto, l'ossigeno, ma le cellule tumorali possono vivere senza ossigeno - una regola senza eccezioni."
E ancora: " I tessuti sono acidi nei tessuti cancerosi, mentre i tessuti sani sono alcalini."

ECCO COME HO SCONFITTO IL TUMORE !

La mia esperienza.

Se avete lo stesso problema o volete prevenire per non trovarvi nella stessa condizione leggete fino in fondo questa esperienza potrebbe esservi utile..

Un giorno per caso sento una pallina di grasso morbida al tatto al centro del petto (SDX). Ho pensato : "sara' una ciste di grasso. Basta ignorarla e magari sparirà !" Da molti anni, tra parentesi, mi interesso di alimentazione naturale, pH alcalino, ecc...quali alimenti e' meglio consumare, e quali invece scartare per stare in buona forma senza ammalarsi. Mi sono resa conto di quanta ignoranza e quanti luoghi comuni circondano il fatto di mettersi a tavola. Tanto che alla fine mi sono costruita un sito web per divulgare queste conoscenze verso altri che avessero gli stessi interessi e magari approfondire meglio le mie letture. Convinta che niente ti puo' capitare se si rispetta il proprio corpo.
Infatti anche la predisposizione al buon umore puo' influenzare e sconfiggere il male. Sempre pronto ad aggredire non appena si abbassano le difese immunitarie.

Gia' , ma come .. come e' successo quello che non volevo confessare neanche a me stessa? Si stava preparando qualcosa contro di me !.

Gia' ... succede che una depressione, dovuta a una serie di fattori esterni ti possa indurre a dirottare i buoni propositi e magari ad aggrapparsi , che sò , ad una bella e succulenta e morbidosa tavoletta di cioccolata, anche se sai che non è poi cosi' salutare...(per i grassi in essa contenuti, cosi' gradevoli al palato..ma molto pericolosi) Ma si'.. cosa potranno mai fare ?...

Intanto però la nocciolina era diventata una noce. Morbida palpabile . Ma inutile girarci intorno ! Ma quante tavolette avevo ingurgitato? . Il sacchetto per la raccolta differenziata era stra colmo. Per il tempo delle feste natalizie, circa un mese, ho fatto fuori una quantità industriale di tavolette . ( SIC !).
Mea culpa mea massima culpa! Mi ero creata una zona acidosa , avevo creato un mostro dentro di me .. da sola!

tumore

Come correre ai ripari ? Come rimettere le cose a posto?... Nel giusto equilibrio, quello che avevo consapevolmente ma, colpevolmente appena distrutto dentro di me ?

Intanto mi ero messa alla ricerca di una risposta certa , non mi bastava piu' ingnorare ..il tarlo del dubbio mi corrodeva!
Esami ? Lunghe file di attesa?... Infine la mia dottoressa mi consiglia un centro oncologico piu' veloce...basta stare li' all'alba e prendere un numero per cominciare la trafila. Sembra un colpo di fortuna. Ma siamo in estate e il centro chiude per tutto agosto per ferie!
Arriva settembre e in maniera quasi leggera mi viene rivelato quello che non avrei mai voluto ascoltare... TUMORE. Chi lo rileva? una dolorossima mammografia e un ancor piu' doloroso prelievo di tessuto per determinare la gravità del male.. detto anche "ago aspirato" ! (referto)

E non sono sola a pensare che è un esame inutile anzi e dannoso. Da quel maledetto giorno del prelievo che i fortissimi dolori non mi hanno abbandonata mai, ne di notte ne' di giorno. Se volete approfondire leggete tutto qui.

E anche qui.

L'oncologo del centro mi informava che : " mi dovevo procurare una parrucca ed essere pronta a farmi massacrare da una lunga serie di chemioterapie ...poi ... forse asportazione di tutto il seno dx... e ancora un altro ciclo di chemio-terapici" !

...segue

Menu

La Chemioterapia acidifica il corpo in modo estremo. Il quale utilizza le riserve alcaline per tentare di neutralizzare l’acidosi, sacrificando così le basi dei minerali (calcio, magnesio , e potassio ) depositato nelle ossa, denti, articolazioni, unghie e capelli , ( per questo cadono velocemente ).

Una degradazione simile è stata osservata nelle persone che ricevono questo trattamento.


Per il corpo non vuol dire nulla stare senza capelli, salvo per la persona che si demoralizza, ma un pH acido significa la morte.